Joyfield Satsang e meditazione

Satsang con Sat Maa (Giulia Jordan)

Per Sat Maa (Giulia) il Satsang è come guardarsi in uno specchio multidimensionale. Normalmente percepiamo solo una piccola parte di noi, quella connessa col campo della sofferenza. Anche le pratiche spirituali vengono fatte da questo campo. Infatti, c’è bisogno sforzo, tempo, condizioni particolari per “raggiungere” i nostri obiettivi. Continuando a guardare nello specchio che il Satsang offre, l’attenzione si sposterà sull’identità originaria, sul Campo della Gioia-Joyfield da cui tutto nasce. Qui non vi è sforzo, né tempo, né condizioni speciali. … Continua a leggere →

L’incantesimo dell’io: indizi di libertà

Le CostellAzioni della gioia

L’incantesimo dell’io: indizi di libertà E noi, chi pensiamo d’essere? Ciò che noi crediamo d’essere- chi, come e che cosa siamo- è frutto della nostra diretta esperienza, oppure è una descrizione che ci è stata fatta sin dalla nascita e alla quale abbiamo creduto?   Quando nasce un bambino, ciò che appare in manifestazione è una piccola forma fisica. Ma il bambino, è la forma che appare, il corpo-mente che andrà a crescere, oppure questo è solamente uno strumento attraverso … Continua a leggere →

La Gioia e lo stato naturale

satsang joyfield

La Gioia e lo stato naturale “Il mondo che abbiamo creato è il prodotto del nostro pensiero e dunque non può cambiare se prima non modifichiamo il nostro modo di pensare”.  Einstein La Gioia è l’impulso primordiale della natura umana. La Gioia di esistere, creare, amare. Ecco perché vogliamo la Gioia, ci struggiamo per essa, ci danniamo per averla attraverso persone, cose, conoscenze, esperienze d’ogni genere. Ma non ci accorgiamo di qualcosa che è fondamentale, anzi del fondamento stesso della … Continua a leggere →

Che cosa siamo?

che cosa siamo

Che cosa siamo?   Quando guardiamo un albero, la nostra attenzione va sulle foglie, fiori e frutti ma non pensiamo mai alle radici e al seme da cui è emerso. Allo stesso modo, noi percepiamo e comprendiamo noi stessi come forma visibile, come corpo, ma non diamo attenzione né riflettiamo su Ciò che ha generato quella forma, al seme primordiale da cui il corpo-mente é venuto in esistenza.                                                                                            Quel seme primordiale é Ciò che siamo: l’Essere, la Coscienza … Continua a leggere →

Ri-trovare la Gioia dello stato naturale

satsang advaita vedanta

La ricerca spirituale e Le CostellAzioni della Gioia Seminario esperienziale   Ri-trovare la Gioia dello stato naturale Roma, 9 giugno 2013 Piazza San Giovanni in Laterano, 40  orario: 10.00-18.00   “A che serve sapere ogni altra cosa quando ancora non sai chi sei?” Ramana Maharshi   Sappiamo cosi tante cose. Eppure, la cosa più importante ci sfugge ancora: noi stessi. <<Chi o che cosa sono io? Come sono venuto in esistenza? Come so di esistere?>> Nel momento in cui cominciamo … Continua a leggere →

Chi sono io?

Advaita Vedanta, satsang

  Chi sono io? La pseudo entità   La maggioranza delle persone non indaga mai chi sia realmente e si accontenta di pensare semplicemente: <<Io sono così e così, ho questo o so quest’altro …>>.  Ma, come saggiamente asseriva Ramana Maharshi, il Guru dei guru dell’India: Fino a quando l’uomo non intraprenderà la ricerca del vero Sé, il dubbio e l’incertezza seguiranno i suoi passi nella vita. I più grandi re e statisti cercano di governare gli altri quando nel … Continua a leggere →

Conferenza di presentazione libro: Le CostellAzioni della Gioia a Livorno

immagine4

A.S.D: laboratorio Olistico per la Ricerca del Sé A.C:S.I- Club T’invita a partecipare alla conferenza di presentazione del libro: Le CostellAzioni della Gioia Un’idea rivoluzionaria che può cambiare il nostro modo di vivere la vita! Livorno –  5 maggio 2012 ore 17,30 – Ingresso Libero  Attenzione!: per via dei posti limitati si suggerisce di prenotarsi al nr. 366.8772036                Qual’è la differenza tra un’idea geniale e una normale?           Secondo me, un’idea geniale é un’idea … Continua a leggere →