HomePubblicazioniEssere un partecipante attivo del cambiamento planetario

gioia in azione

Essere un partecipante attivo del cambiamento planetario
Parte prima

JoyNet partecipanti attiviTutti conosciamo la situazione generale dell’Italia e del mondo.
Ognuno di noi spera in un cambiamento sostanziale che coinvolga sia la sfera materiale, sia quella psico-emotiva e spirituale.
Desideriamo il benessere, la Pace, l’Amore e la Gioia.

Tuttavia, siamo consapevoli che questo non può venire né dalla politica, né dalle pubbliche istituzioni, né da altre autorità. Queste sono cosi compromesse che, anche volendo, coloro che vi operano non sono in grado d’invertire la rotta e lavorare per il bene del popolo.
Eppure, come ci avverte Gregg Braden, scienziato e autore:
Per la prima volta nella storia conosciuta, la sopravvivenza dell’intera specie umana dipende dalle scelte di una singola generazione.

Noi siamo quindi coloro che hanno il compito di scegliere e le nostre scelte avranno un impatto sull’intera specie umana.
Che possibilità ci sono quindi, per dare una svolta significativa alla nostra vita?

Noi del movimento spirituale JoyNet abbiamo un’idea che è nata come Visione ed è diventata la nostra Missione per la famiglia planetaria.
JoyNet si propone di trovare soluzioni ai diversi problemi che affliggono l’umanità fornendo strumenti e conoscenze affinché ciascuno possa cambiare consapevolmente il proprio stato di coscienza.

In questo momento storico, lo stato di coscienza della maggioranza delle persone è intonato sulle basse frequenze vibratorie, caratteristiche delle emozioni negative, soprattutto paura e rabbia. Qualunque soluzione si cerchi da questo stato, non potrà essere efficace poiché nasce dallo stesso livello di coscienza che ha provocato i problemi stessi. Come diceva Einstein:
Non si può risolvere un problema dallo stesso livello di coscienza che l’ha creato.

Pertanto, il movimento JoyNet si prefigge di cambiare il livello di coscienza di una buona parte dell’umanità- quelli che sono spiritualmente pronti – e creare una rete di Gioia intorno al pianeta, grazie all’esperienza diretta con Joygift, un dono spirituale che attiva il “cervello del cuore” e che è messo a disposizione dell’umanità.

In accordo con la teoria del “fenomeno della centesima scimmia”, quando una “massa critica” sperimenterà uno stato di coscienza più elevato attraverso la connessione con Joygift, a un certo punto si produrrà un fenomeno transpersonale simile a quello che si è verificato fra le scimmie giapponesi e tutta l’umanità percepirà una profonda trasformazione psico-spirituale.

Pertanto, quando anche solo una parte della popolazione europea cambierà livello di coscienza e avrà accesso all’intelligenza del cuore basata sull’Amore, la Pace e la Gioia, ciò significherà trovare nuove e diverse soluzioni ai numerosi problemi sociali, economici, ecologici, relazionali, ecc.

Margaret Mead, la grande antropologa scriveva:
Non dubitate che un piccolo gruppo di cittadini coscienti e risoluti
possa cambiare il mondo.
Questo, infatti, è quanto è sempre successo.

JoyNet ha già messo a disposizione meditazioni su You tube, articoli e post su Facebook – gruppo JoyNet italiano e Internazionale- per accelerare questo cambiamento, cominciando dalle convinzioni sulla possibilità di una trasformazione spirituale planetaria.

Infatti, siamo convinti che questa avverrà mantenendo le differenze di credo con le relative pratiche, e promuovendo uno stato di coscienza globale e cooperativa anziché individuale e separativa: il passaggio dall’io-me al Noi. (v. l’articolo: Sei un nuovo Bodhisattva?)

Tuttavia, come hanno osservato molti promotori di un cambiamento planetario, la maggior parte delle persone, pur desiderandolo, adotta ancora una posizione di “adolescenza spirituale”.
Che cosa vuol dire?

Significa che, come gli adolescenti, queste persone si aspettano che il lavoro sostanziale sia fatto da altri, madri e padri virtuali, mentre loro si mettono lì ad aspettarne i risultati, magari criticando, denigrando o addirittura ignorando quanto fatto dai “genitori virtuali”. Queste persone, sono tutt’al più dei partecipanti passivi che si accontentano di mettere qualche “mi piace” sui post di Facebook, ecc.

Ciò che noi auspichiamo invece, soprattutto per coloro che si ritengono ricercatori spirituali, terapeuti, insegnanti, divulgatori, é che diventino partecipanti attivi del cambiamento e maturino spiritualmente, agendo concretamente non solo per il proprio interesse, ma per il benessere di tutti.

E’ necessario comprendere che l’unico cambiamento possibile può venire solo da persone comuni come noi. Consideriamo, infatti, che è davvero esiguo il numero dei “potenti” rispetto ai circa sette miliardi di abitanti che popolano il pianeta. E se loro sono stati in grado di agire e influenzare miliardi di persone, che cosa potremo fare noi tutti insieme?

Se continuiamo a sperare in un aiuto esterno di qualsiasi tipo, non facciamo altro che perpetuare la nostra adolescenza spirituale e lo stato di sofferenza generale.

Non stiamo parlando di fare una qualche rivoluzione sociale convenzionale con tanto di violenza, bensì di attuare un cambiamento dello stato di coscienza individuale e collettivo attraverso la frequenza della Gioia, che è di beneficio per tutti gli esseri umani.

Noi di JoyNet riteniamo che ogni persona dalla mente aperta e dal cuore sensibile si possa sentire motivata e fiera di partecipare attivamente al cambiamento planetario, di fare la storia in diretta e poter dire a se stessi, ai propri figli e nipoti: <<anch’io faccio (oppure ho fatto) la mia parte>>.

Abbiamo il potere di cambiare le cose, potere che ci viene dalla nostra identità spirituale di Esseri Divini che si stanno manifestando su questo pianeta attraverso una forma umana.
Com’è stato dimostrato da scienziati e ricercatori, ogni essere umano porta in sé, nel proprio DNA, lo stesso identico messaggio:
Dio/Eterno nel corpo.
Il cui significato è, secondo Gregg Braden:
L’umanità è una famiglia unita da un retaggio comune, ed è il risultato di un atto intenzionale di creazione.

Ci siamo incarnati in questo periodo particolare, proprio per partecipare attivamente al cambiamento planetario, per essere protagonisti non comparse.
Come sostiene Jean Houston, autrice e utopista:
La nostra è un’era di cambiamenti quantici, probabilmente si tratta della decostruzione e della ricostruzione più radicali che il mondo abbia mai sperimentato.
E noi siamo quelli che lo stanno facendo.

Ma noi lo stiamo veramente facendo?
Tu lo stai realmente facendo?

Segue parte seconda

I commenti sono chiusi.